Covid, a Foligno positivi sotto quota 300: in 24 ore solo tre contagi in più

Tra domenica e lunedì in tutta Umbria si registrano 56 nuovi casi e quattro decessi. Prosegue il calo dei ricoveri ordinari e delle terapie intensive

Infermiera al lavoro (foto Irwan di Unsplash)

Scendono sotto quota 300 i cittadini di Foligno positivi al Coronavirus. Tra domenica 4 e lunedì 5 aprile se ne contano 292. Sono 251 i folignati in isolamento e 41 quelli ricoverati, di cui 9 in isolamento. Tre i nuovi casi Covid in più nelle 24 ore, 47 invece i guariti. In tutta Umbria risultano 56 contagi in più tra domenica e lunedì. Oltre ai tre di Foligno, ne risultano altri sette tra Terni e Spoleto e uno a Perugia. Nessun nuovo caso, invece, negli altri comuni della Valle Umbra Sud.

Il tasso di positività è del 9,96 per cento: i nuovi 56 contagi sono stati individuati su 522 tamponi molecolari processati (in tutto 797.723). Gli antigenici effettuati sono stati, invece, 333 (nel complesso 208.265). Gli attualmente positivi su tutto il territorio regionale sono 4.446, ossia 95 in meno del report precedente, mentre i casi registrati da inizio pandemia hanno raggiunto quota 51.582. Di guariti se ne contano altri 144 per un totale di 45.866.

Quattro i decessi tra domenica e lunedì ad Assisi, Città di Castello, San Giustino e Spoleto. In tutto 1.270 vittime. Prosegue il calo dei ricoveri: due in meno quelli ordinari, tre in meno invece nelle terapie intensive. I pazienti totali sono quindi 350, di cui 93 all’ospedale di Perugia, 77 in quello di Terni, 45 a Spoleto, 38 a Città di Castello, 37 a Pantalla, 26 a Foligno, 23 a Branca e 11 all’ospedale da campo dell’Esercito di Perugia. Quarantasette, invece, le persone in terapia intensiva: 17 a Perugia, 13 a Terni, 8 a Spoleto, 5 a Città di Castello e 4 a Foligno.

In isolamento si contano 154 soggetti in meno per un totale di 5.730. Per quanto riguarda la campagna vaccinale, alle 15.30 di lunedì 5 aprile risulta somministrato il 77,5 per cento delle dosi: 157.880 su 203.755.

Logo rgu.jpg

di Maria Tripepi

Aggiungi un commento