Quintana in lutto, si è spento Maurizio Metelli

L'ex priore del rione Contrastanga ed attuale magistrato dell'Ente Giostra aveva compiuto 69 anni lo scorso mese di dicembre. La manifestazione piange uno dei suoi pilastri

Maurizio Metelli

Quintana di Foligno in lutto. Si è spento Maurizio Metelli, storico priore del rione Contrastanga, nonché attuale magistrato dell'Ente Giostra con delega all'economato. Un'immensa perdita per la città e per tutta la manifestazione, che dice addio ad uno dei suoi pilastri. Maurizio Metelli aveva compito 69 anni lo scorso mese di dicembre e da settimane combatteva contro un nemico terribile, quel Covid-19 che anche in Umbria sta mietendo tante, troppe vittime. Stimato ed apprezzato commerciante, Maurizio Metelli si era particolarmente distinto nel mondo della Quintana per le sue capacità umane e gestionali. Capacità che lo avevano portato, con il rione Contrastanga, a vincere ben cinque palii: dal 1999 al 2006. Profondo il dolore e lo sconcerto che in queste ore si sta vivendo all'interno del rione di via Piermarini e in tutto il mondo quintanaro. Sentimento condiviso da tutti i folignati che nel corso del tempo avevano avuto modo di apprezzare il suo straordinario carisma. IL CORDOGLIO DEL RIONE - “E' venuto a mancare un grande uomo, un grande priore e un grande magistrato della Quintana. Maurizio ci ha cresciuti come un padre, ci ha insegnato ad essere uomini e quintanari ed è stato un faro per noi e per le generazioni più giovani - afferma l'attuale priore del Contrastanga, Carlo Mattioli -. Un modello che portiamo nei nostri cuori. Sarà un'assenza pesante per il Contrastanga e per tutto il mondo della Quintana. Questo Consiglio, quelli che verranno e tutto il popolo di Contrastanga faranno del loro meglio per onorare la sua memoria, seguendo il solco tracciato da un uomo che ha reso grande la nostra storia”.

Il direttore e la redazione di Rgunotizie.it si uniscono al dolore dei familiari e di tutto il mondo della Quintana per la perdita di Maurizio Metelli

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento