Spoleto, a giorni il nuovo primario di Radiologia

Ad annunciarlo è Enzo Ercolani, uno dei “saggi” che ha lavorato all'integrazione dei servizi sanitari con Foligno. In totale sono nove i professionisti che si contendono il posto

Il Pronto soccorso del San Matteo degli Infermi di Spoleto

Dopo qualche intoppo burocratico, ora finalmente ci siamo. È ormai questione di giorni la nomina del nuovo primario di Radiologia del San Matteo degli Infermi di Spoleto. “Dei tre primariati annunciati per il nosocomio spoletino dall'assessore Luca Barberini, uno, quello di Radiologia, è alle porte”, scrive, con soddisfazione, in una nota, uno dei tre medici professionisti, o meglio conosciuti come saggi, che nei mesi scorsi hanno lavorato alla stesura della proposta di integrazione dei servizi sanitari tra gli ospedali di Spoleto e di Foligno, Enzo Ercolani. E l’oggi ex primario di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale di Spoleto ora in pensione, ha voluto rendere noti i nomi di coloro che saranno i candidati al primariato di Radiologia di Spoleto. “Scorrendo l'elenco dei candidati – scrive Ercolani – troviamo Ernesto di Cesare, 57 anni, professore associato di Diagnostica per immagini presso l'Università dell'Aquila, autore di innumerevoli lavori scientifici e anche in possesso della specializzazione in Cardiologia. E poi c’è Adolfo Siciliani, 59 anni, proveniente dall'ospedale di Crotone dove è responsabile, dal 1999, della Struttura semplice di RX, Ecografia, TC e RM, Angelo Lemmi, 58 anni, un radiologo che si è fatto le ossa nell'Azienda ospedaliera di Perugia e che dichiara un'esperienza a tutto campo e Vincenzo Iaconis, 62 anni, proveniente da Terni ed in possesso anche della specializzazione in Radiologia oncologica”. Ma oltre a questi 4 candidati esterni, ci sono anche i medici che già lavorano nella Usl 2. “Quattro di loro vengono da Foligno – spiega Ercolani – e sono Federico Crusco, 41 anni, con un incarico di alta specializzazione, essendo responsabile della Cardioradiologia, Francesco Osimani, 43 anni, esperto di Radiologia interventistica, una branca superspecialistica della radiologia, Renato Ricci, 59 anni, responsabile della Struttura semplice dipartimentale di Neuroradiologia, e Riccardo Loretoni, 55 anni, responsabile della Struttura semplice dipartimentale senologia e screening senologico, è un radiologo che, come testimonia il suo curriculum, si è dedicato prevalentemente alla senologia. E poi c’è il candidato di Spoleto, un dirigente di primo livello che lavora sodo e con grande competenza in ogni settore del servizio spoletino, Marco Carlani, 43 anni, fra l'altro molto stimato da tutti i suoi colleghi”.

Logo rgu.jpg

di Rosella Solfaroli

Aggiungi un commento