Giovani ed educazione finanziaria, a lezione con la Bcc di Spello e Bettona

Quella che è oramai una necessità per tutti, lo è soprattutto per le nuove generazioni. Appuntamento venerdì 25 novembre nella sala dell'Editto di Spello

La sala dell'Editto di Spello

Educazione finanziaria. Una necessità per tutti, a cominciare dai giovani che entrano in contatto con il mondo delle banche e della finanza. Una necessità che diventa urgenza alla luce di quanto successo negli ultimi anni nel settore del risparmio. Per questo il Club dei giovani della Bcc di Spello e Bettona (300 soci under 35 guidati Walter Bugiantella) ha organizzato per venerdì 25 un incontro-dibattito sul tema “La mia banca. Mi fido? Banca e risparmio nell’era del bail-in: cosa cambia?”. L’incontro si terrà alle 18.30 presso la sala dell’Editto del palazzo comunale di Spello e vedrà come relatore il professor Corrado Bei, docente e analista finanziario di profilo internazionale. L'appuntamento, come detto, è stato ideato dal Club dei giovani soci della Bcc di Spello e Bettona come primo di una serie di appuntamenti di “educazione finanziaria”, volti ad approfondire i vari aspetti del mondo del risparmio e ad avvicinare tutti i cittadini al mondo della finanza. Si assiste infatti sempre di più a una difficoltà di comunicazione tra banche e cittadini e a una crescente incomprensione delle regole e dei prodotti bancari, con un conseguente calo della fiducia dei risparmiatori verso il mondo bancario – spiegano dalla Bcc -. Il continuo modificarsi delle regole nazionali ed internazionali per la gestione delle crisi di una banca, la crisi economica, le crisi di gruppi bancari anche importanti, rischiano di minare una delle fondamenta dello sviluppo economico: la fiducia nel sistema bancario. “Consapevoli che dalla conoscenza delle regole e delle opportunità del sistema bancario possa nascere la consapevolezza delle scelte migliori in campo economico per ciascun risparmiatore - scrivono i membri del Club dei Giovani soci - abbiamo organizzato un evento che tratterà con linguaggio chiaro e diretto i temi della solidità e affidabilità delle banche, e sarà aperto a tutta la cittadinanza”.

Andrea Luccioli

di Andrea Luccioli

Aggiungi un commento