Foligno, Claudia Minelli torna alla carica sul sottopasso di via Serena: “Si farà?”

L'esponente del Partito democratico presenta un'interrogazione per conoscere la situazione legata alla strada bloccata dopo la chiusura del passaggio a livello

Claudia Minelli (foto Vissani)

L'interrogazione alla giunta comunale di Foligno porta la firma della consigliera Pd Claudia Minelli. La questione è quella legata alla realizzazione del sottopasso ciclopedonale di via Serena. La strada, che un tempo collegava Sportella Marini a San Paolo e su cui insisteva un passaggio a livello, è ormai chiusa e, di fatto, in attesa di un'opera in grado di garantire, a pedoni e ciclisti, il transito tra le due zone della prima periferia della città della Quintana. L'interrogazione della consigliera dem è tesa a capire se, in zona palazzo Orfini Podestà, sussista ancora l'intenzione di realizzare il sottopasso in via Serena. Già lo scorso 19 novembre, Claudia Minelli aveva rivolto un’interrogazione al Comune rispetto ad un chiarimento sullo “stato della pratica”. Un'interrogazione che, in data 9 gennaio, ha visto la risposta dell'assessore ai lavori pubblici, Riccardo Meloni. Il vicesindaco di Foligno aveva specificato che la giunta aveva avviato “le verifiche necessarie alla realizzazione di un sottopasso pedonale”. “Alla luce del fatto che, nella relazione di risposta - scrive la Minelli nel documento -  l'assessore Meloni asserisce che la precedente amministrazione non ha ritenuto di inserire l’opera nei programmi triennali, visti i problemi legati ai ritrovamenti archeologici, ed il fatto che i collegamenti ciclopedonali con viale Ancona sono stati garantiti con i lavori approvati e con la realizzazione del tratto di pista ciclabile che collega via Serena a viale Ancona e – ancora - appurato che dalla risposta si evince che non vi è agli atti alcuna copia dei documenti di trasmissione della lettera di risposta della Sovrintendenza alla giunta, - dichiara Claudia Minelli – chiedo se è prevista la realizzazione del sottopasso”.

Logo rgu.jpg

di Matteo Castellano

Aggiungi un commento