Regione, nominati i nuovi direttori sanitari

Imolo Fiaschini sostituisce Sandro Fratini alla Usl2. Prima della nomina nota di alcuni esponenti Pd: "Prendiamo atto della forzatura"

Imolo Fiaschini

Emilio Duca all'Azienda ospedaliera di Perugia, Maurizio Dal Maso all'Azienda ospedaliera di Terni. Per la Usl1 Andrea Casciari ed Imolo Fraschini alla Usl2. Sono questi i nuovi direttori sanitari scelti dalla giunta regionale dell'Umbria nel tardo pomeriggio di martedì, al termine di una lunghissima giornata di incontri, scontri ed alta tensione nell'esecutivo guidato da Catiuscia Marini. Alla riunione delle 18, che ha fatto seguito a quella di martedì mattina e alla prima di lunedì pomeriggio protrattasi sino a tarda notte, non ha preso parte l'assessore alla sanità Luca Barberini. Nelle scorse ore è girata anche con forte insistenza la voce che voleva Barberini pronto a rassegnare le proprie dimissioni. Pochi minuti prima delle decisioni prese dalla giunta, era arrivata una nota a firma dei consiglieri regionali Pd Donatella Porzi, Luca Barberini, Andrea Smacchi, Marco Vinicio Guasticchi ed Eros Brega. “Prendiamo atto della forzatura che si sta consumando in merito alle nomine dei direttori della sanità regionale e riteniamo che la direzione in cui si sta andando non è certo improntata al rinnovamento auspicato e richiesto dai nostri elettori – hanno affermato all'unisono - in momenti come questi – spiegano - il metodo da utilizzare dovrebbe essere quello di una maggiore condivisione, in grado di portare a delle scelte che rispondano a quell'esigenza di rinnovamento e discontinuità richiesta dalle aspettative e dalle necessità dei cittadini”. “In questo contesto non possiamo poi evitare di citare il caso Orlandi – concludono i consiglieri Porzi, Barberini, Guasticchi, Smacchi e Brega –, nomina decisa dalla giunta regionale in nottata, nonostante l'assenza dell'assessore alla Sanità. Questo nome, pur riconoscendo le sue qualità, non corrisponde certo all'auspicato rinnovamento e alla discontinuità necessaria”.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento