Ora è ufficiale: i campionati dilettantistici non riprenderanno

Il Consiglio Federale ha deciso di far riprendere solamente i professionisti. Ora si dovrà decidere su promozioni e retrocessioni: il Foligno nel suo ritorno in D è salvo

Petterini capitano del Foligno (foto Vissani)

I campionati di calcio dilettantistici sono ufficialmente finiti. La decisione è stata presa dal Consiglio Federale della Federcalcio che si è riunito ieri. La stagione del Foligno si è dunque conclusa. Così come quella dei campionati regionali dall’Eccellenza in giù. Nessuna sorpresa, visto che era ormai nell’aria l’impossibilità di fare ripartire il mondo dei dilettanti rispettando i protocolli di sicurezza sanitari richiesti dall’emergenza coronavirus. Ripartiranno invece tutti i campionati professionistici: serie A, B e, un po' a sorpresa, la C. La conferma è arrivata dal presidente della Lega Dilettanti Cosimo Sibilia all’uscita della riunione romana.

Il Foligno può considerarsi a tutti gli effetti salvo nella sua stagione del ritorno in D. I falchetti potranno attendere da spettatori la riunione del consiglio di Lega di venerdì. In quella occasione verranno stabiliti i criteri di promozioni e retrocessioni. Con gli altri campionati professionistici che proseguiranno, non è più scontato il blocco delle retrocessioni. Per quanto riguarda le promozioni, si dovrebbe andare verso la scelta di premiare le prime in classifica. Nel caso dell’Eccellenza umbra, a fare il salto di categoria in D sarebbe la Tiferno.

Logo rgu.jpg

di Simone Lini

Aggiungi un commento