Peluso show, il Foligno stende la Sangiovannese

I Falchetti tornano a vincere grazie a due perle del capitano e al gol finale di Arras. L'allenatore Armillei si gode i tre punti: "Ora posizione in classifica abbastanza buona"

Maurizio Peluso contro il San Donato Tavarnelle (foto folignocalcio.net - Marco Cardinali)

Il Foligno si regala finalmente una domenica perfetta. La banda di Armillei esce vittoriosa dal confronto con la Sangiovannese con un rotondo 3 a 0. Quinto risultato utile consecutivo, che vale l'undicesimo punto in 5 partite. Un bottino niente male in questo avvio di 2020 che ha permesso ai falchetti di riprendere quota in classifica e lanciarsi verso una primavera tranquilla. Uomo di giornata l'attaccante Maurizio Peluso che si fa perdonare il rigore sbagliato domenica scorsa siglando una doppietta nel primo tempo. Nel recupero ci pensa poi il compagno di reparto Arras ad arrotondare il risultato e a portarlo sul definitivo 3 a 0. Una domenica da incorniciare, dunque, davanti al proprio pubblico di casa. 

Settimi: "Finalmente abbiamo visto anche un Foligno che gioca, era fondamentale per vincere la partita e portare a casa i 3 punti. Oggi si è visto un Foligno più convinto dei propri mezzi e deciso a riportare la vittoria. Ora testa all'Albalonga, con la quale cercheremo di replicare la prestazione di oggi"

 

Peluso: "Fa un grandissimo piacere aumentare il numero di gol e di portare a casa 3 punti fondamentali per i nostri obiettivi. Senza fare tanti festeggiamenti godiamoci la vittoria. Cercheremo adesso di preparare al meglio la partita con l'Albalonga. Mi sentivo addosso la responsabilità del pareggio con il Tuttocuoio, che comunque oggi ha dimostrato di essere una squadra viva"

 

Armillei "Un ottimo risultato che ci permette di metterci in una posizione abbastanza buona in classifica. Bisogna ricordare che abbiamo fatto 11 punti nelle ultime 6 partite e anche quando non sono arrivati i punti la prestazione è stata fatta sempre. Oggi, in cambio, sono arrivati anche i tre punti"

Logo rgu.jpg

di Alessandro Ronci

Aggiungi un commento